Mission

cropped-cropped-headerimg4.pngMission (Aprile 2007)
Consequenze è soprattutto un impulso per un modello culturale che pone al centro della sua attività il recupero di un rapporto sano tra Istituzioni, popolazione e universo artistico e in particolare tra Cittadini e offerta culturale.
L’invadenza della politica e della burocrazia ha troppe volte soffocato le potenzialità di un mondo prolifico e talentuoso come quello italiano, legato a tradizioni di enorme valore e alimentato da figure stimolanti e geniali.
Dall’altro lato, una folta schiera di intellettuali, artisti, operatori sociali è stata costretta o ha scelto di plasmarsi in maniera organica allo stato di cose e si è resa accomodante e funzionale a veri e propri apparati di potere che nulla dovrebbero avere a che fare con la proposta artistica. Il confine che dovrebbe essere netto e identificabile tra diversi settori della società è divenuto ambiguo e inquietante, e alcuni spazi di dialogo e di confronto sono stato occupati dall’interesse particolare, dalla relazione privilegiata e dalle appartenenze precostituite.

Lavoriamo “sulle forze” senza appoggi dall’alto. Non siamo protetti della politica e il nostro impegno è segno di collaborazione attiva con tutti, senza formule di scambio. Non chiediamo denaro pubblico e ci manteniamo a diretto contatto con la cittadinanza. Lavoriamo con tutti giovani di grande volontà e con le idee chiare su cosa bisogna fare.
Per questo rivolgiamo questo appello ai cittadini sensibili e responsabili ai quali sta a cuore il futuro dell’Italia e delle nuove generazioni e condividiamo con essi il bisogno di iniziative eticamente più solide in un sistema di valori riconoscibile e sicuro.
Daremo prova del fatto che è possibile utilizzare poche migliaia di euro invece di finanziamenti milionari, per organizzare eventi di grande qualità  e di maggior spessore artistico e culturale.
Sostenere questo progetto vuol dire anche trasmettere un segnale forte di rinnovamento ed essere protagonisti di una nuova e vivace stagione del nostro Paese. Promuovere questa diversa mentalità basata sul lavoro e sul merito è la chiave migliore per tornare a crescere.
Acquistare consapevolezza nell’ambito di un progetto etico fondato sulla trasparenza e sulla concretezza è il mezzo più efficace per diffondere una nuova idea di cooperazione, solidarietà e armonia.

Principi e valori
La proposta e l’innovazione sono anima e principio dell’attività di Consequenze.Ogni nostra proposta è svincolata dalle regole di casta e non persegue interessi di parte.
L’innovazione scaturisce da una mentalità e da una progettualità che si basano sul lavoro, sull’impegno sociale e sul merito.

I principi che alimentano le nostre attività si riferiscono a valori che riteniamo essenziali per il recupero dell’equilibrio sociale e per la crescita culturale ed economica del nostro Paese.

Lavoro, inteso come diritto e ricchezza per la comunità, in quanto elemento fondante della nostra Costituzione e strumento di sviluppo collettivo e di armonia sociale.

Trasparenza in quanto principio di lealtà e di cooperazione efficace, perché solo eliminando la corruzione e il clientelismo si potrà garantire a tutti i cittadini pari dignità e pari opportunità.

Responsabilità nell’impegno individuale e collettivo in un ambiente privo di rigide gerarchie e quindi orizzontale, in cui la scelta avviene nel rispetto di tutti e nell’aperto confronto tra tutti.

Realismo rispetto ai contesti in cui si opera, per assicurare autenticità nell’analisi dell’esistente e concretezza nell’elaborazione e nell’attuazione delle iniziative.

Libera espressione capace di determinare nuovi percorsi culturali e incoraggiare l’iniziativa indipendente nell’azione sociale, nella proposta artistica e nell’attività professionale, per valorizzare i talenti, stimolare l’iniziativa autonoma e favorire l’integrazione e il rispetto della persona.

Il Merito come criterio di valutazione del lavoro e in quanto parametro primario per il corretto sviluppo di quanto viene messo in atto.

 Troveremo una strada
O la costruiremo

Lascia un commento

Rete Cultura Partecipata